I luoghi e l’immagine storica delle Terme di San Calogero nell’isola di Lipari

La struttura termale di San Calogero, sita sul versante ovest dell’isola di Lipari, si presenta oggi come un edificio a due elevazioni, all’interno del quale, nel periodo di maggiore attività registrato negli ultimi anni dell’Ottocento, era possibile per gli ospiti soggiornare, ricevere trattamenti quali abluzioni e applicazioni di fango, e pregare nella cappella dedicata al santo che dà il nome all’edificio.

Il luogo in cui sorge lo stabilimento, anch’esso identificato con il nome di San Calogero, fa parte della frazione di Pianoconte ma, posto a una distanza sufficiente dall’abitato, preserva delle qualità naturali speciali.

Collocato in una posizione privilegiata che guarda Salina, il paesaggio di questo tratto dell’isola si presenta roccioso, a dirupo sul mare, con terreni coltivati soprattutto con ulivi e alberi da frutto, punteggiati da rare e appartate residenze rurali.

È in effetti un luogo in cui difficilmente ci si reca, lontano dai ritrovi del turismo eoliano, a meno che non si intenda ammirare il panorama, oppure cimentarsi in passeggiate lungo il sentiero che collega le terme alle cave di Caolino.

 

L’architettura termale ottocentesca non è stata costruita su un terreno vergine, bensì su resti molto antichi di strutture di epoca ellenistica, che già sfruttavano a scopo terapeutico le acque calde sulfuree.

La decisione di costruire uno stabilimento termale al fine di potere disporre in maniera più agevole e completa dei bagni a vapore di San Calogero fu sostenuta da una lunga e argomentata discussione, che tendeva a dare conto dell’eccezionalità del luogo oltre che delle esigenze di rispondere ai viaggiatori che, arrivati a Lipari, volevano raggiungere e soggiornare presso la fonte termale.

Ancora prima della costruzione dello stabilimento moderno, tra la fine del XVIII secolo e i primi decenni del XIX, grazie a un primo sviluppo dei mezzi di trasporto, cominciò a diffondersi anche fra i rappresentanti della borghesia agiata, oltre che della nobiltà, del clero e dei militari,
con una particolare attenzione da parte di artisti, letterati e scienziati, la pratica di compiere viaggi verso le Isole Eolie, che si presentavano sospese in una dimensione aspra e premoderna.

Durante quei decenni la fonte delle acque di San Calogero, le cui strutture architettoniche erano costituite dai resti ben visibili e ancora funzionanti di epoca greca e romana, rappresentava una delle mete dei viaggiatori. Le avevano visitate, solo per limitarsi a citarne alcuni tra i più noti, anche per le testimonianze documentali pervenute, Jean-Pierre Houël nel 1778, Déodat de Dolomieu nel 1781 [Cincotta, 1991], Lazzaro Spallanzani nel 1788 [Spallanzani, 1788], William Henry Smyth intorno
al 1814. Il canonico Carlo Rodriquez nel 1841 riguardo ai bagni termali di San Calogero scrisse:

 

(…) per tradizione di venerandi vecchi di questo paese è mirabile la varietà di morbi per esse curati. Ed in tempi non ai nostri lontani di Sicilia, Calabria, ed altre parti vedeasi ragguardevoli personaggi qui venire afflitti da diverse malattie, e per queste acque sanarsi. Ed è sconfortevolissima cosa il dire, che non più a noi recarsi da vicini, o lontani paesi si veggono degli ammalati per la incuria dei nostri naturali, i quali fanno un abbandono deplorabile giacere i nostri bagni [Carlo Rodriguez, 1841

 

Potresti essere interessato anche a:

 

La costruzione dello stabilimento termale di San Calogero nel XIX secolo.

 

La leggenda di San Calogero

 

La condizione unica dell’architettura termale di Lipari

 

Mollica, C., Schepis, F., & Quattrocchi, A. (2019). I luoghi e l’immagine storica delle Terme di San Calogero nell’isola di Lipari. Eikonocity. Storia E Iconografia Delle Città E Dei Siti Europei, 4(1), 27-43.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ricerca articoli, video, eventi

Dai il benvenuto al nuovo SumUp 3G. Un lettore mobile che si connette direttamente alla rete 3G, rendendo i pagamenti ancora più facili!

Prenota un volo aereo

Compara + 200 voli. Trova l’offerta giusta per le tue vacanze alle Eolie!

Prenota il traghetto o l’aliscafo per le Eolie