Eolie: flora e fauna

Nelle isole dell' arcipelago eoliano nasce spontanea la macchia mediterranea, costituita in prevalenza da oleandri, ginestre, mirti e querce dalla foglia spinosa.
Estesa ed intensa é la coltivazione di vigneti e capperi; dai vigneti si ricavano vini pregiati e genuini ad alta gradazione alcolica, fra i quali il pregiatissimo “Malvasia delle Lipari”, un vino denso, dal sapore dolce e di colore chiaro, classificato come uno dei migliori vini da dessert.
I capperi, prodotti nelle isole di Lipari e Salina, si incontrano facilmente nelle campagne incolte, abbarbicati alle rocce o ai muraglioni di pietra. Utilizzati nella cucina locale, insieme al malvasia, sono esportati in tutto il mondo.

Dal punto di vista faunistico oltre all’ allevamento ovino, caprino e bovino si trova, in quasi tutte le isole, il coniglio selvatico. Gli uccelli invece sono presenti solo nel momento del passaggio.

Ricca e abbondante é la fauna ittica: nelle acque dell’ arcipelago viene praticata la pesca del pesce spada, del tonno, dell’ aragosta e del pesce azzurro (sardine, sgombri e alici), nonché la raccolta di crostacei e molluschi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA