Festività dell’isola di Lipari

Principali festività dell'isola di Lipari

La Settimana Santa
Le manifestazioni che si svolgono nelle Eolie, e in particolare a Lipari, durante la settimana santa (come la processione dei misteri, il Venerdì Santo, quella di resurrezione e la Domenica di Pasqua) mantengono immutato nel tempo nell’ animo degli isolani un rapporto di intensa religiosità e partecipazione.
Il ciclo si apre la domenica delle palme con il grande rito della benedizione di queste ultime, impartita dal vescovo, e con la successiva processione che dal centro del paese si snoda per giungere fino alla maestosa cattedrale, racchiusa all’ interno della possente fortezza spagnola che domina la città. Il pomeriggio della stessa domenica il gruppo “Cantori popolari delle isole Eolie” anima con un gran numero di figuranti, una suggestiva e struggente via Crucis che, partendo da Piazza Mazzini (dove viene allestito il Sinedrio), scena dopo scena, si sposta al castello per culminare con la crocifissione del Cristo.




Venerdì santo
Col calar delle tenebre, un lungo e spettacolare corteo rischiarato da innumerevoli fiammelle si snoda (partendo dalle chiese del castello) per le vie principali della città. Nel silenzio più assoluto, interrotto soltanto dalle grevi note della banda musicale, sfilano una dopo l’ altra le statue raffiguranti la passione e morte di Cristo; le accompagnano varie confraternite, ognuna con il proprio vessilo listato a lutto, partecipi assieme alla folla al grande mistero dell’ umanità in quel momento presentato.

Domenica di Pasqua
Lipari si ammanta di splendidi colori; l’ azzurro del cielo si fonde con quello del mare formando uno scenario suggestivo per l’ incontro tra il Cristo risorto e la propria Madre. A mezzogiorno le due processioni composte dalle diverse confraternite, dopo aver percorso separatamente le vie cittadine, si incontrano a Marina Corta; qui, dopo essersi salutate, abbassando per tre volte i propri stendardi, si mettono da parte affinchè il simulacro del Cristo risorto e quello dell’ Addolorata possano fare lo stesso. al terzo inchino, quando ormai le statue sono vicinissime alla Vergine viene tolto il manto nero dal quale volano via innumerevoli colombe bianche; tutto ciò tra il suono delle campane, gli inni trionfali della banda, lo scoppio dei fuochi d’ artificio, le sirene delle navi alla fonda e l’ applauso della folla che si leva sottolineando la gioia dell’ incontro.




Festa in onore di San S.Bartolomeo
Nel contesto delle festività eoliane grande importanza viene dato al culto di San Bartolomeo devozione che secondo alcuni antichi testi, nasce sull’isola di Lipari intorno all’anno 264, in considerazione del fatto che la comunità cristiana Liparese fu una delle prime in occidente ad aprirsi al culto dei martiri.

Clicca quì e vai a San Bartolomeo e la sua storia

 



 

Festa della Madonna di Porto Salvo

Particolare e suggestiva è anche la festa della Madonna di Porto Salvo, che si svolge a Lipari la seconda domenica di luglio.

Due giorni prima dell’evento vengono organizzati manifestazioni musicali, degustazione della tipica malvasia delle Lipari e dei dolci locali. Emozionante  è anche il momento della  posa in mare nella baia di Marina Lunga  dei lumi in  ricordo  delle vittime in mare.

Ma la peculiarità di questa festa  è sicuramente la processione in mare, durante la quale molte barche si riuniscono di fronte all’imbarcadero di Sottomonastero e aspettano l’arrivo della Statua della Madonna portata in processione ed accompagnata dalla banda musicale dell’isola.

Ad attendere vi è un’imbarcazione preparata per l’occasione, che accoglie il simulacro e i presbiteri.

Dopodiché si procede lentamente in processione  verso punta San Francesco.

Al rientro viene celebrata la santa Messa e anche in questo caso i festeggiamenti si concludono con i giochi pirotecnici.




© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

.