Escursioni via terra a Salina

Una rete stradale collega i tre comuni e l'interno dell'isola, consentendo itinerari suggestivi per i panorami offerti dalla natura.

A sud di S. Marina si incontra il laghetto salato di Lingua (oggi poco più che uno stagno separato dal mare da un sottile terrapieno), utilizzato come salina fino a qualche anno fa.

Partendo da Lingua si può raggiungere Monte Fossa delle Felci, un vecchio vulcano spento dalla cui cima si gode uno splendido panorama sull’arcipelago. Da S. Marina verso nord, seguendo la strada che costeggia il mare, si attraversa Capo Faro fino al grazioso centro di Malfa.

capo-faro-salina

Dopo la frazione di Malfa, la strada principale si dirama in due direzioni. La prima porta al paesino marinaro di Pollara, dove si trova la spiaggia più bella dell’isola.

escursioni-via-terra-salina

Qui si fa il bagno in una cornice di roccia la cui struttura è l’interno di un semicerchio del cratere, levigato dalla forza del fuoco di un tempo e dal mare. La seconda diramazione prosegue poi fino alla frazione di Valdichiesa dove è possibile ammirare il santuario della Madonna del Terzito, costruito nel ‘600. Dalla strada che congiunge Leni a Malfa si snoda un sentiero che conduce al Monte Fossa delle Felci.

E’ questa un’escursione da fare a piedi, attraversando una meravigliosa macchia mediterranea circondata da pioppi, castagni e felci. Proseguendo sulla strada principale, si raggiunge infine la pittoresca Rinella; in origine era un piccolo gruppo di casette allineate lungo la spiaggia, ora è uno dei più frequentati centri turistici dell’isola, meta ideale per una riposante vacanza a contatto con la splendida natura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA