Covid-19

la situazione alle isole Eolie

Ultimo aggiornamento: 02 aprile 2020

 

In tanti ci stanno chiedendo com’è la situazione a Lipari e nelle isole Eolie, se consigliamo o meno di prenotare per l’estate, se partire o meno per i viaggi già programmati.

 

Al momento la situazione è molto incerta e nessuno può prevedere come evolverà: in questa pagina raccogliamo le informazioni aggiornate sulla situazione alle Eolie e cerchiamo di darvi qualche suggerimento, dal nostro punto di vista di abitanti del luogo.

 

Se avete richieste di supporto per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattare l’indirizzo email info@estateolie.it: saremo felici di aiutarvi e consigliarvi.

 

A causa dell’emergenza Covid 19, fino al 3 aprile 2020 molte corse di navi e aliscafi sono state cancellate.

 

Gli orari in questa pagina sono quelli validi, ma è possibile che ci siano modifiche senza preavviso e non ci è sempre possibile provvedere all’aggiornamento in tempo reale.

 

Vi ricordiamo che in questo periodo non ci si può spostare se non strettamente necessario e muniti di autocertificazione da esibire al personale delle agenzie previa emissione del biglietto e alle forze dell’ordine incaricate di effettuare ulteriori controlli ai porti di partenza e destinazione.

 

Quì è possibile scaricare il modulo compilabile di autodichiarazione degli spostamenti – versione del 26 marzo 2020

 

Orari piano straordinario delle Compagnie di Navigazione

 

Navi

Siremar biglietteria di Milazzo: 0909283415

NGI biglietteria di Milazzo: 0909283415

 

La situazione ad oggi a Lipari e nelle isole Eolie

Ultimo aggiornamento: 02 aprile 2020

 

Il Governo Italiano ha dichiarato l’intera nazione “Zona Rossa”. In termini pratici significa che non si può entrare e uscire dal paese se non per motivi urgenti e sono vietati tutti gli spostamenti non strettamente necessari. Tutta la popolazione, compresi i turisti, deve restare a casa o nel proprio alloggio e limitare quanto più possibile gli spostamenti. Le scuole sono chiuse fino al 30 aprile.

 

Le misure che interessano maggiormente le Eolie sono:

  • Chiusura del Museo Archeologico Regionale Eoliano fino al 3 aprile.

  • Misurazione della temperatura corporea a tutte le persone che si imbarcano in direzione delle isole Eolie.

  • Bar, ristoranti, palestre, cinema sono chiusi.

  • Vietato l’ingresso nel Comune di Lipari ai venditori ambulanti al dettaglio provenienti da altri comuni.

  • Chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie di turno, le edicole e chi vende generi di prima necessità.

  • Gli esercizi commerciali sono aperti fino alle 14:00

  • Nei tabacchi è vietato l’uso di apparecchi per il gioco.

  • E consentita l’attività edile e artigianale fino alle 14:00 dei giorni feriali

Dal 13 marzo inoltre gli Stati Uniti hanno bloccato i voli dall’Europa per 30 giorni.

Alla luce di tutto ciò è nostro dovere invitarvi a rimandare i viaggi in programma per il mese di marzo e metà aprile. Non sappiamo come sarà la situazione da fine aprile in poi… ci auguriamo rientri tutto. Ma ora è importante rispettare queste norme proprio per far sì che tutto passi presto e si possa tornare a viaggiare senza pensieri!

Molti degli Hotel alle Eolie hanno inoltre modificato le proprie politiche di cancellazione per renderle quanto più flessibili possibili, vista l’incertezza del momento.

 

FAQ – domande frequenti

Come sono le previsioni per i prossimi mesi?

Neanche gli esperti sanno come si svilupperà la curva del contagio del New COVID-19. La teoria più accreditata al momento è che ci sarà un picco nel mese di marzo che poi andrà calando con l’arrivo del caldo e della bella stagione (è probabile un decorso stagionale).

 

Come mai in Italia ci sono tanti contagi?

Questa è la domanda che in tanti si stanno ponendo, al momento l’unica certezza è che sono stati fatti tamponi e diagnosi gratuite a tappeto su tutti i contatti sociali dei primi contagiati e si sta continuando su questa linea in modo da isolare ed evitare il diffondersi del virus. Non tutti gli stati hanno attuato questa procedura in maniera celere.

Dovrei cancellare il mio viaggio in Italia?

Al momento, ogni viaggio previsto fino al 30 aprile va cancellato. Il blocco dei voli tra l’Europa e gli Stati Uniti al momento è in vigore fino al 30 aprile.
Per i viaggi previsti per aprile e maggio il nostro consiglio è tenere monitorata la situazione e mettersi in contatto con le strutture ricettive o con la propria agenzia di viaggi per controllare le politiche di modifica e cancellazione della propria prenotazione.

C’è il pericolo che trovi tutto chiuso?

Al momento è tutto chiuso, ma la maggior parte degli hotel e ristoranti in questo periodo sarebbero stati comunque chiusi per la classica chiusura invernale. Dai primi di maggio alcune strutture dovrebbero riaprire come di consueto. I musei e le attrazioni statali sono invece chiusi fino al 3 aprile per decreto ministeriale.

 

Cosa succede se mi ammalo in Italia?

In Italia la sanità è pubblica, gratuita per tutti: in alcuni casi può essere richiesto il pagamento di un ticket che varia a seconda del tipo di prestazione richiesta. Si tratta in ogni caso di cifre non superiori al centinaio di euro. In caso si sospetti di aver contratto il virus si possono contattare telefonicamente i numeri 1500 e 112 per ricevere assistenza e indicazioni sul da farsi. Viene sconsigliato di recarsi al pronto soccorso per evitare contagi. In ogni caso, come in tutti i viaggi, è sempre consigliabile stipulare un’assicurazione di viaggio per proteggervi da qualsiasi tipo di infortunio e cancellazioni last-minute.

 

E quindi? Cosa mi consigliate di fare?

Al momento la priorità assoluta è la salute globale, va evitato ogni tipo di viaggio. Per il futuro, da maggio in poi, possiamo solo consigliarvi di tenere monitorata la situazione, controllare attentamente le politiche di cancellazione, informarsi sulle norme del proprio paese e aspettare che passi l’emergenza e appena possibile tornare a trovarci!

E sarà bello come non mai.

 

#coronavirus  #nonvediamolorachetuttotornicomeprima  #iorestoacasa  #andratuttobene